Noti un maltrattamento

Una volta certi che ci troviamo di fronte a un caso di maltrattamento di un cane o di un gatto o di altro animale è nostro diritto (ma anche dovere) intervenire, segnalando quanto abbiamo visto alle forze dell’ordine.
Vediamo come fare concretamente.

Chiarito che quello cui stiamo assistendo o abbiamo assistito è a tutti gli effetti considerato maltrattamento dalla legge italiana è nostro preciso dovere denunciarlo alle forze dell’ordine.

Va precisato che i reati a danno degli animali sono, al pari di tutti gli altri reati inerenti ogni altro settore, di competenza generica di tutta la Polizia Giudiziaria per cui tutti gli organi di P.G., su iniziativa e su segnalazione, DEVONO sempre intervenire. Polizia di Stato, Carabinieri, Polizia Municipale, Guardia di Finanza, Corpo Forestale dello Stato, Polizia Provinciale, Guardia Costiera non possono rifiutare il loro operato, sotto pena di integrazione del reato di “omissione di atti di ufficio” in base all’articolo 328 C.P.

chiamare le guardie zoofile

Un’altra possibilità consiste nel chiamare una guardia zoofila, detta anche guardia particolare giurata.
Facciamo un po’ di chiarezza su questa figura che sta diventando sempre più importante. La guardia zoofila non opera “liberamente” ma in nome e per conto dell’Ente Nazionale di Protezione Animali quale E.N.P.A. Per avere il suo aiuto, quindi, dobbiamo chiamare questo Ente e informarci sulla disponibilità di guardie e sui tempi di intervento.

La guardia zoofila è un pubblico ufficiale per decreto prefettizio ed opera  in ambito provinciale.

Ricapitolando: se decidiamo di chiamare una guardia zoofila, telefoniamo a E.N.P.A., chiediamo la disponibilità di guardie e segnaliamo il caso di maltrattamento nel modo più dettagliato possibile. È preferibile NON rimanere anonimi ma dare il nostro nome e cognome.

Purtroppo non sempre l’intervento è tempestivo. E, allora, se non riusciamo ad ottenere subito ciò che vogliamo possiamo per l’intanto, presentare un esposto o una denuncia ai carabinieri o alla polizia Locale, portandolo di persona.
L’esposto è l’atto di richiesta di intervento dell’autorità di Polizia, la denuncia è l’atto con il quale ogni persona che abbia notizia di un reato informa il pubblico ministero o un ufficiale di polizia giudiziaria.

Inoltrare la segnalazione all’indirizzo mail ggzz.genova@enpa.org o al seguente numero di fax 0105531425