Selvatici e Biodiversità

Difendere la fauna selvatica significa agire in favore della biodiversità, un patrimonio inestimabile del nostro pianeta: tramite la strategia della diversificazione la vita ha saputo evolversi, rafforzarsi e stabilizzarsi sulla Terra. Gli ecosistemi riescono a resistere ai cambiamenti e ai fattori di disturbo se sono diversificati e ben equilibrati, per contro, un ecosistema semplificato o sbilanciato risulta fragile e rischia il collasso ogniqualvolta si verifichi un cambiamento.

Non si tratta, quindi, solo di animalismo: la nostra regione è ricoperta da boschi stupendi e caratterizzati da una ricchissima biodiversità. E proprio in difesa di questa biodiversità abbiamo aperto il Centro di Recupero Animali Selvatici (CRAS) di Campomorone, dove ci prendiamo cura di tutti gli animali selvatici del nostro territorio rimasti orfani, feriti o semplicemente in difficoltà.

Ricci, ghiri, scoiattoli, volpi, caprioli, tassi, ma anche rondini, gabbiani, cince, merli, falchi, civette e gufi: i selvatici recuperati e portati da noi sono davvero tanti, e hanno bisogno del cibo e delle cure necessarie per poter tornare a correre e a volare. Il nostro obiettivo è quello di restituirli alle loro vite, e contribuire così alla ricchezza faunistica e al patrimonio naturale della Liguria. A tutto ciò si aggiunge anche una grande raccolta di dati, utili alla ricerca.

La nostra è una vera e propria missione per tutti gli animali e per la natura. E viene troppo spesso sottovalutata da coloro che non comprendono il legame indissolubile che c’è fra l’uomo e il mondo naturale. Per prenderci cura dei nostri ospiti non bastano solo la competenza, l’amore e la dedizione dei volontari, ma anche il vostro sostegno.

Potete seguire ciò che accade al Centro sulla nostra pagina Facebook, per essere sempre aggiornati sui nostri interventi e sulle nostre liberazioni.